Alessandro Di Vaio, il poeta dei segni, si racconta nell’ultima intervista: “Ricordatemi come colui che è cresciuto nella luce”.

Alessandro Di Vaio, originario di Varcaturo (Napoli), era affetto da una paralisi cerebrale infantile. Prigioniero fin da bambino di un corpo che lo costringeva a vivere in sedia a rotelle, comunicava utilizzando il cosiddetto codice Bliss, il linguaggio grafico creato tra il 1942 e il 1965 da un ingegnere austriaco per superare le divisioni linguistiche tra i popoli. Per abbattere le barriere della sua grave disabilità, aveva imparato a liberare la mente dedicandosi alla scrittura. Grazie all’ausilio degli operatori del don Orione di Napoli e di una tavola dotata di segni pittografici e ideografici, è riuscito a pubblicare un libro di poesie dal titolo “La vita è cambiamento”. Animato da una grande fede, quando ha capito che un tumore all’intestino non gli avrebbe lasciato scampo, ha voluto lasciare un messaggio di speranza ai malati i E’ morto, a 41 anni, il 30 aprile del 2008. Tre giorni prima ha rilasciato questa intervista. Aveva un desiderio: realizzare una sala multisensoriale per i disabili del centro don Orione di Napoli.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...