Dispersi quattro giovani torresi nel crollo del ponte Morandi a Genova. Angoscia per le famiglie. Il sindaco chiama l’unità di crisi.

Sono ore di angoscia per le famiglie di Giovanni Battiloro, Gerardo Esposito, Antonio Stanzione e Matteo Bertonati di Torre del Greco. Dei quattro amici partiti martedì a bordo di una Golf di colore grigio per una vacanza tra Nizza e Barcellona, non si hanno notizie dalle undici del 14 agosto e potrebbero essere rimasti coinvolti nel crollo del ponte Morandi a Genova. Per il momento si tratta solo di un timore: i loro nomi non figurano nell’elenco né delle vittime né dei feriti, ma il passare delle ore e i cellulari muti, fanno purtroppo temere il peggio.

Il sindaco Giovanni Palomba, si è subito attivato per avere notizie dalla Questura e informare i soccorritori impegnati a Genova nelle operazioni di salvataggio che i quattro ragazzi potrebbero avere imboccato l’autostrada e percorso il ponte Morante per raggiungere la loro destinazione.

“Siamo fiduciosi e speriamo che presto i ragazzi chiamino a casa per dare buone notizie”, dice Giovanni Palomba. “Continuerò a seguire personalmente la vicenda, mi piacerebbe dare presto una bella notizia alle famiglie, agli amici e ai tanti torresi che in queste ore sono in pena per Gerardo, Giovanni, Antonio e Matteo”.

Il primo cittadino, dopo aver raccolto l’appello dei parenti, ha immediatamente contattato la Polizia di Stato di Torre del Greco e la Questura di Genova; la prefettura e l’unità di crisi.

“Ho fornito le generalità dei ragazzi e il numero della targa della macchina”, aggiunge Palomba “al momento sono dispersi e non risultano nell’elenco delle vittime e dei feriti. Sappiamo che i giovani hanno avuto contatti con amici e familiari fino alle undici di martedì: a bordo di una Golf nera hanno attraversato l’Italia superando anche Firenze”.

Famiglie solide alle spalle, i quattro dispersi hanno tutti un lavoro: Matteo Bertonati, nipote del commerciante di coralli “Donadio”, è un artigiano orafo. Gerardo Esposito è un marittimo, Antonio Stanzione è un fabbro. Tutti abitano tra Cappella Bianchini e via Enrico De Nicola.

I familiari chiedono aiuto a chiunque possa fornire notizie attendibili.

2 commenti

    • e’ davvero una vergogna per il nostro paese , tre , anzi quattro bravi ragazzi che , grazie ai loro sacrifici , si stavano concedendo una meritata vacanza , siano dovuti morire prematuramente in una maniera cosi’ tragica !!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...