Rigattieri abusivi e residenti in altre città ingolfavano di rifiuti gli Eco Punti. Nel mirino della polizia municipale di Torre del Greco 85 persone. Multe e sequestri.

Auto sequestrataÈ stata un’operazione capillare e sistematica. Gli agenti di polizia municipale di Torre del Greco, coordinati dal comandante Salvatore Visone, per sette giorni hanno pattugliato le isole ecologiche del centro e della periferia usando le telecamere di sorveglianza e le auto civetta e indossando abiti civili. Un monitoraggio finalizzato alla repressione degli sversamenti illegali che ormai da mesi stanno trasformando la città in una discarica a cielo aperto. Ma i controlli hanno messo in evidenza ciò che da tempo l’assessore all’Igiene Urbana, Pietro De Rosa e il sindaco Giovanni Palomba, sostengono: gran parte degli ingombranti che insozzano gli Eco Punti e i siti di prossimità, vengono scaricati da persone che vivono a Ercolano e Torre Annunziata. Molti sono rigattieri non autorizzati che svuotano case e cantine ignorando qualsiasi regola e infrangendo tutte le leggi.

ritocco1

Le pattuglie ridotte all’osso per carenza di organico, hanno lavorato senza sosta anche per venti ore di seguito: preziose sono state le telecamere che sorvegliano le cosiddette isole ecologiche. L’occhio telematico, infatti, ha consentito agli uomini e alle donne della centrale operativa del comando di largo Comizi, di osservare e registrare i movimenti delle auto e dei furgoncini e di segnalare in tempo reale agli agenti dislocati sul territorio, i trasgressori che sono stati colti in flagrante. Un lavoro massacrante che andrà avanti anche nelle prossime settimane nonostante le difficoltà di organico.

In sette giorni, sono state multate ottantacinque persone per inosservanza dell’ordinanza sindacale che vietava il deposito di spazzatura in orari diversi da quelli stabiliti dall’amministrazione comunale: ovvero dalle 17 alle 23 negli Eco Punti e dalle 19 alle 23 nei siti di prossimità. Molti trasgressori identificati dagli agenti di polizia municipale, avevano la residenza nei comuni limitrofi.

Ma nell’elenco dei poliziotti comunali sono finiti anche cinque titolari di furgoncini, probabilmente rigattieri abusivi, che sono stati sorpresi ad abbandonare mobili, materassi, elettrodomestici e suppellettili. A tutti sono stati sequestrati i veicoli che erano stracolmi di rifiuti e materiale ingombrante.

Dieci persone sono state multate perché i mezzi erano senza copertura assicurativa; altri dieci non avevano la revisione e cinque non avevano la patente.