Due studenti della Ragioneria fermati per droga: un diciassettenne arrestato, l’altro denunciato. L’operazione della polizia municipale.

Studenti della Ragioneria; ragazzi di buona famiglia che escono al sabato sera per andare a mangiare la pizza con gli amici e si ritirano prima della mezzanotte. È questo l’identikit dei due diciassettenni, alunni modello, fermati dalla polizia municipale in via Alcide De Gasperi a Torre del Greco, all’uscita da scuola. Avevano 78,6 grammi di hashish: 17,25 grammi nascosti negli slip e altri 62 grammi avvolti in un pacchetto che hanno cercato di abbandonare tra le sterpaglie.

È stato il gesto incauto di uno dei due ad attirare l’attenzione dei poliziotti municipali impegnati in quel momento a pattugliare le isole ecologiche: i due ragazzi che viaggiavano a bordo di uno scooter, passando davanti agli agenti, con una mossa repentina hanno cercato di disfarsi della droga lanciandola lungo la strada. È stato a questo punto che gli agenti comunali, diretti dal comandate Salvatore Visone, si sono insospettiti: dopo averli inseguiti e fermati, hanno perlustrato la zona e trovato tra le sterpaglie il panetto da 62 grammi. Solo al momento della perquisizione, i poliziotti municipali hanno notato, negli slip del ragazzo più piccolo, il resto della droga divisa in dosi già confezionate e avvolte nel cellophane: droga che, secondo l’accusa, era pronta per essere venduta.

Nel corso della perquisizione gli agenti hanno sequestrato anche 74 euro in banconote di piccolo taglio e monete ritenute provento dell’attività illecita di spaccio.

Il ragazzo sorpreso con la droga negli slip, assistito dall’avvocato Patrizia Magliulo, ha raccontato di aver raccolto i soldi e comprato l’hashish per conto di altri compagni che gliel’avrebbero chiesto per trascorrere una serata da sballo. Una motivazione che non è bastata al magistrato a cui è stato affidato il caso: il diciassette è stato arrestato e condotto alla Casa di prima accoglienza dei Colli Aminei, mentre l’altro amico è stato deferito in stato di libertà alle autorità giudiziaria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...