“La vostra generosità cambierà la vita di tante persone”. Dalla missione di Kalule, arriva il segno della riconoscenza verso i torresi.

3633a335-6250-4046-9d04-a4f6e1eef4d8“Cari torresi, grazie per la vostra generosità”. Arriva dall’Uganda e in particolare dalla diocesi e dal vescovo di Kasana-Luweero, Paul Ssemogerere, il segno della riconoscenza verso i cittadini di Torre del Greco che stanno sostenendo la missione in Kalule dove è già stata costruita una chiesa dedicata a san Vincenzo Romano.

In un messaggio inviato a don Giosuè Lombardo, parroco di Santa Croce, don Emmanuel, parroco di Kalule e segretario del vescovo, fa sapere che “i vostri impegni e gli sforzi per realizzare anche una scuola e una clinica cambieranno enormemente la vita sociale ed economica di questo luogo e noi vi siamo infinitamente grati”.

d743390a-46d1-4386-96bd-728500a0e770

“Ringraziamo Dio, l’Onnipotente”, scrive ancora padre Emmanuel “che ha permesso al nostro beato Vincenzo Romano di essere nominato tra i suoi Santi. Siamo sicuri di avere un altro avvocato che intercederà per noi presso il Signore. Il Suo nome sia glorificato. Ci uniremo a voi nello spirito il 14 ottobre durante la canonizzazione nella piazza San Pietro, in Vaticano”.

Sono mille i cristiani ugandesi che frequentano la chiesa dedicata al parroco santo di Torre del Greco. Adulti e bambini vivono nel piccolo e poverissimo centro di Kalule, a circa quaranta chilometri dalla capitale Kampala, a maggioranza musulmana, e partecipano ogni domenica alla messa nella chiesa di San Vincenzo Romano che è stata realizzata grazie al contributo della basilica pontificia di Santa Croce e di tanti torresi. d32760cb-0547-43eb-b7f7-586c3f386698

Dagli inizi di settembre, sull’altare di questa unica chiesa di Kalule, c’è anche un pezzo di storia dell’arte torrese: Giovanni Pandolfo, vice presidente dell’associazione Famiglia d’Africa fondata da padre Felice Sciannameo, ha infatti regalato alla comunità ugandese un dipinto del maestro Salvatore Flavio Raiola. L’opera che raffigura il volto della Madonna, è stata donata dalla Pro Loco di Torre del Greco ed è stata accolta con grande entusiasmo dalla comunità parrocchiale guidata da padre Emmanuel.

“Il nostro vescovo Paul Ssemogerere”, aggiunge ancora padre Emmanuel, “parteciperà al sinodo dei vescovi a Roma e sarà fisicamente presente alla canonizzazione di Vincenzo Romano il 14 ottobre in piazza San Pietro e gli farebbe piacere incontrare la comunità torrese  per esprimere il suo voto di ringraziamento”.

Un desiderio subito raccolto da don Giosuè Lombardo che ha invitato il vescovo a Torre del Greco: “Spero che davvero sia possibile averlo qui con noi”, dice don Giosuè “e attendiamo con gioia una sua risposta. Nel frattempo, in ricordo della canonizzazione di san Vincenzo Romano e per onorare la carità da Lui praticata, attraverso l’acquisto di una nuova biografia del Beato scritta da don Nico Panariello, saranno sostenute opere in favore dei bisognosi, delle tre mense del decanato e delle tre parrocchie dedicate al nostro santo in Uganda, Guatemala e Melito”.

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...