Viale dei Pini diventa via Francesco Coscia. Omaggio all’ex sindaco che si faceva chiamare Cicciotto.

8a0fed40-641c-4a18-9f28-9f3a73148f17Ha preferito rimanere un passo indietro la signora Alba. Come lei, anche i figli Rosanna, Teresa, Vincenzo e Gigi, che hanno lasciato la scena al giovane Francesco, nipote omonimo del più famoso Francesco Coscia. È stato il diciottenne erede dagli occhi azzurri e capelli ricci e biondi, a scoprire la targa toponomastica dedicata al nonno, l’illustre figlio di Torre del Greco che fino alla fine si è sempre fatto chiamare semplicemente Cicciotto: sindaco dal 1952 al 1956; direttore generale della Cassa per il Mezzogiorno e poi presidente per oltre vent’anni della Banca di Credito Popolare, è stato tra i fondatori della Turris e del prestigioso Circolo Nautico.

francesco
Il sindaco Giovanni Palomba con Francesco Coscia jr

E, sabato 24 novembre, a quindici anni dalla morte, viale dei Pini è diventato via Francesco Coscia: un “battesimo” bagnato con champagne francese offerto dalla famiglia e salutato con una cerimonia organizzata in sordina dal Comune. Un rito semplice al quale, con la moglie Alba, il fratello Vittorio, i figli e i nipoti, hanno partecipato il sindaco Giovanni Palomba, l’assessore alla Cultura Anna Pizzo e l’assessore alla Viabilità, Ascione.

Ma l’omaggio a Cicciotto Coscia, è arrivato dal cuore di Antonio Pacilio della Pro Loco: è stato lui a farsi promotore, con il direttivo e il presidente Angelo Di Ruocco, dell’iniziativa che ha poi dato il nome dell’ex sindaco alla strada nella quale per tanti anni ha vissuto.

95bb7a0a-d486-4cce-be06-722daa437c37
Francesco Coscia

“La figura dell’illustre ed amabile Francesco Coscia, scomparso nel 2003”, dice il sindaco Giovanni Palomba, “rappresenta l’immagine di chi ha vissuto la propria vita, dedito all’amore per la sua terra e la sua gente, oltre che naturalmente per la sua famiglia, portando sempre alto il nome di Torre del Greco in qualunque contesto ed a qualunque livello abbia avuto modo di esprimersi. Spero che la storia di un così illustre cittadino possa essere per ciascun torrese, particolarmente per i giovani, modello di emulazione e di educazione ai sani e saldi valori etici, morali, sociali, politici e civili”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...