“Sogno un Festival del jazz nella mia città”. Intervista ad Antonio Onorato, il musicista di Torre del Greco in tournée con il New Quartet

Antonio Onorato.jpgTra i pochi al mondo a suonare la particolare chitarra a fiato, Antonio Onorato ancora una volta è riuscito a stregare il pubblico regalando una serata magica ai fan che lo hanno raggiunto a Ravello per il concerto organizzato dal Comune nell’ambito della rassegna Suoni del Sud. Al suo fianco, oltre allo storico batterista, Mario De Paola, anche il pianista Alessandro La Corte e, il basso, Giuseppe Arena. Un New Quartet che, partendo dai vecchi successi come Gagà e Arianova, ha raccontato, attraverso il jazz e il rock blues, atmosfere brasiliane, suoni mediterranei e ritmi ispirati ai nativi americani. Un mix che ha raggiunto il suo culmine con l’omaggio a Pino Daniele.

Nato ad Aquilonia 55 anni fa, Antonio Onorato, che degli indigeni d’America si sente fratello di sangue, non nasconde il senso di appartenenza che lo lega ai luoghi in cui, a Torre del Greco, è cresciuto e ancora vive. Un legame, fortissimo, che lo spinge a tornare, dopo ogni tournée, nell’unico posto in cui si sente davvero a casa: “Per la mia città”, dice Antonio Onorato, “sogno di realizzare un Festival del jazz, del corallo e dei fiori”.

L’intervista

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...